Home » Benessere » Alcol in eccesso, un pericolo grave anche per il cuore

Alcol in eccesso, un pericolo grave anche per il cuore

I nostri figli bevono, bevono tanto e bevono troppo presto. Cominciano già alle festicciole di compleanno delle scuole medie, continuano con gli “happy hour” e nelle serate di divertimento. Sono mezzo milione i giovanissimi che già usano l’alcol in modo sconsiderato, senza alcun limite e senza badare a quel che dicono giornali e TV continuamente. E se già sappiamo che questo eccesso porta alla distruzione totale delle cellule del cervello e alla morte per epatite o cancro al fegato, oggi sappiamo che anche sul cuore ha effetti devastanti.

I ragazzi bevono soprattutto quando sono in gruppo, per farsi accettare, o quando sono soli per combattere depressione o ansia. Bevono per mettersi alla prova e abitudini folli come il “binge drinking” (ubriacarsi in pochi minuti riprendendo il tutto con lo smartphone) equivalgono a un suicidio assicurato! Nelle persone predisposte geneticamente, questo modo di stordirsi con l’alcol può portare a malattie psichiche gravi ma anche, nell’arco di venti o trent’anni, a problemi cardiaci importanti. Dire a un quindicenne che potrebbe morire di infarto a 40 anni non ottiene molto, perchè a quell’età si pensa che i quarantenni siano già “vecchi”. E i consigli di genitori e insegnanti sono considerati meno di zero.

Come fermare il fenomeno, che in Italia sta coinvolgendo sempre più minorenni? La soluzione è unica: far parlare i ragazzi con loro coetanei che sono appena usciti dall’incubo di un coma etilico, o che vivono una malattia del fegato sulla pelle. I ragazzi ascoltano solo quelli del loro “branco” e purtroppo in giro ci sono molti esempi di giovanissimi vittime dell’alcol che possono -e devono!- dare testimonianza di quello a cui sono scampati. Devono farlo nelle classi dei loro compagni e nelle altre scuole, per fare arrivare un messaggio originale e giusto, in un periodo di autodistruzione globale: la vita è importante e va preservata quando ancora si è in tempo per farlo.

admin

x

Guarda anche

Il panico dell’attacco di panico …

Esiste una malattia che forse… non esiste. E non lo diciamo per sminuire la cosa, ...

Condividi con un amico