Home » Benessere » Psicologia: ecco come il cervello "si convince" di aver fumato nicotina

Psicologia: ecco come il cervello "si convince" di aver fumato nicotina

Uno studio della National Academy of Science crea una nuova ipotesi sul perchè il fumo, l’alcol e la droga abbiano più effetti su alcuni soggetti e non su altri. L’ipotesi è che il pensiero, il cervello umano, intervenga nel processo di assuefazione o di rifiuto di una sostanza, facendoci creare delle idee sugli effetti di quelle sostanze nel nostro corpo. Idee non sempre veritiere. Fermo restando che tutte le sostanze che creano dipendenza attivano nel nostro cervello un “interruttore” del piacere, nell’uomo in più si aggiunge un fattore cognitivo.

Un esperimento condotto su 24 fumatori ha portato alla creazione di due gruppi: alcuni fumavano sigarette normali, con nicotina, altri quelle senza. I gruppi erano informati della presenza o assenza di nicotina nelle loro sigarette, anche se non sempre le informazioni erano veritiere … cioè, ad alcuni veniva detto che non c’era nicotina quando invece c’era e viceversa. Dopo aver fumato dovevano svolgere alcuni compiti dati loro dai ricercatori: alcuni compiti richiedevano delle scelte soggettive, altri delle scelte generiche, altri nessuna scelta, e così via.

A fine test, si è visto che le persone “convinte” di aver fumato la sigaretta senza nicotina reagivano meno bene a determinati compiti, credendo di essere meno rilassati. Al contrario, quelli a cui veniva detto che la loro sigaretta conteneva nicotina, anche se non era vero per niente, agivano come se fossero soddisfatti. Il cervello, insomma, pur se non toccato da una determinata sostanza, se si convince di averla in circolo si adatta e si comporta come si comporterebbe in quel frangente! La carenza fisica di quella sostanza (fumo, alcol, droga) viene ignorata se il cervello “si convince” di averla assunta. La dimostrazione che molto dipende dalle cellule cerebrali relativamente alla gravità di un vizio … ma anche alla possibilità di guarire.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico