Home » Benessere » Giovani sempre più sordi. Colpa della musica ad alto volume

Giovani sempre più sordi. Colpa della musica ad alto volume

Si è celebrata ieri, 3 marzo, la Giornata Mondiale dell’Udito, (in inglese, International Ear Care Day 2015) e in questa occasione sono stati resi noti gli ultimi dati relativi all’analisi dell’udito in giovani e anziani. Si è scoperto così che sempre più giovani sviluppano problemi di sordità precoce e la colpa -manco a dirlo!- è della musica a volume troppo alto spesso “sparata” negli abitacoli delle auto e negli iPod oltre che in discoteca.

Il problema riguarda ben 360 milioni di persone (il 5% del pianeta) e più della metà si sarebbe potuta risparmiare il dramma. Più della metà, infatti, sono ragazzi sani che si sono distrutti l’udito per colpa dell’eccesso di musica ad alto volume. E’ un controsenso che i giovani dovrebbero capire: se ami la musica devi poterla sentire, se ti sfondi i timpani non potrai più godertela. Eppure non si riesce a convincerli. E’ vero che la musica ad alto volume è alienante e in molti casi anche consolatoria, ma è un peccato rovinarsi per sempre i timpani per un paio di ore di consolazione!

L’Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce due tipi di emergenze legate alla sordità: una sordità legata all’età e che va diffondendosi perchè aumenta la popolazione anziana nel mondo; l’altro tipo di emergenza, più grave, è quello dei giovani che si rovinano l’udito già a 20 anni. Ci sono già 43 milioni di adolescenti e di giovani che non sentono bene perchè ascoltano la musica (ma anche la TV) a più di 95 decibel. Un limite che si supera anche più volte al giorno, con la conseguenza che in due anni il livello di udito dei ventenni è già calato di diversi punti. Rinunciare alla musica, allora? No, nemmeno per sogno. Solo, meglio limitare le ore di ascolto, oppure abbassare il volume. Se sparate la musica oltre i 95db dovreste spegnere il vostro iPod dopo solo 5 minuti. Meglio ascoltarlo per due ore scendendo sotto i 90.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico