Home » Benessere » Il fumo fa male. Ma gli italiani non lo sanno

Il fumo fa male. Ma gli italiani non lo sanno

Il fumo attivo, cioè che inalate voi tramite la sigaretta, fa male. Fa venire il cancro, diversi problemi cardiaci, diversi problemi della sfera sessuale, problemi polmonari a non finire. Il fumo passivo, quello che respira chi vi sta intorno anche se non ha una sigaretta, fa altrettanto male. Stesse malattie, stesse conseguenze, uguali! La TV e i giornali ci bombardano ogni giorno con queste notizie, eppure 8 italiani su 10 non lo sanno. O fingono di non saperlo.

Ed ecco che per i nostri connazionali distratti scendono in campo, per l’ennesima volta, le associazioni che da anni si battono nelle campagne antifumo. Stavolta tocca all’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), insieme a WALCE (Women Against Lung Cancer in Europe) e alla Fondazione Insieme contro il Cancro. Tre organismi, di cui uno internazionale, per farci capire quello che dovremmo sapere ormai da 40 anni … fumare uccide! I dati raccolti nel nostro Paese sono disarmanti: il 50% dei fumatori italiani consuma sigarette in presenza di minori e anche in luoghi chiusi; soltanto 4 su 10 cambierebbero stile di vita, il 43% non crede che smettere di fumare salvi la vita e tanti altri non sanno cosa voglia dire fumo passivo.

Poca consolazione in quell’89% che vorrebbe più informazione, dicendo di non aver mai sentito parlare di malattie legate al fumo. Ci si domanda dove vivano tutte queste persone, dato che la campagna antifumo è ovunque da molto tempo! E però li si deve aiutare ancora di più, proprio perchè finora vissuti nell’ignoranza. Bisogna far capire loro che il fumo passivo aumenta fino al 30% le probabilità di sviluppare un tumore del polmone, che favorisce malattie cardiache anche nelle persone sane, che sui minori ha effetti ancora più pesanti. E la scusa del “tanto l’aria che respiro fuori è più inquinata” non regge. Se l’aria è già pericolosa di suo, meglio non aggravare la situazione anche dentro casa.

admin

x

Guarda anche

Sigarette elettroniche, il dibattito è ancora aperto

Sono sempre più diffuse e amate, fanno sentire “chic” come faceva sentire “chic” il bocchino ...

Condividi con un amico