Home » Benessere » ASL condannata a pagare per errore medico insieme al dottore

ASL condannata a pagare per errore medico insieme al dottore

Una sentenza che riscrive la giurisprudenza medica dopo una causa lunghissima (iniziata alla fine degli anni Novanta) che ha coinvolto un pensionato torinese e un medico di base. L’anziano, infatti, ha subito una grave invalidità che lo ha costretto a vagare per ospedali, tra cure e terapie anche costose, per un ictus causato da una diagnosi sbagliata. Sarebbe bastata un’aspirina per guarirlo, e invece…

L’uomo alla fine è morto nel 2011 e la famiglia ha continuato la causa contro il medico che aveva sbagliato la diagnosi. E la sentenza arrivata oggi, da parte della Cassazione, stabilisce che non solo il dottore dovrà pagare per quell’errore ma anche la ASL competente. Una decisione che si estende automaticamente a tutte le ASL del Paese.
Sebbene la ASL torinese abbia sempre cercato di sdoganare ogni responsabilità, dicendo che il medico, in quanto libero professionista, aveva deciso tutto da solo, la decisione del giudice ha coinvolto anche la responsabilità dell’azienda. Anche se il medico avesse sbagliato, è impossibile che il calvario del paziente sia durato 14 anni senza che nessun altro si fosse accorto dello sbaglio in precedenza. Insomma, le responsabilità per un errore diagnostico vanno estese anche a chi fornisce i servizi relativi alle cure per quel preciso problema ma non ha fatto nulla per andare a fondo nella vicenda. E oggi che il medico colpevole, nel frattempo, ha cambiato residenza e nazione forse sarà solo la ASL torinese a sostenere quelle spese per la famiglia…

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico