Home » Benessere » Sospetto Ebola a Milano: rientrato l'allarme

Sospetto Ebola a Milano: rientrato l'allarme

Le premesse c’erano tutte perchè fosse solo un falso allarme, ma la prudenza non è mai troppa soprattutto in una città, Milano, che si prepara al mega evento internazionale dell’Expo 2015. E così, quando la dottoressa appena rientrata dalla Sierra Leone aveva accusato i primi sintomi anomali, era scattato subito il piano di emergenza per verificare se fosse in atto un contagio di Ebola.

Messa subito in isolamento, la donna (53 anni) volontaria di Emergency, era stata sottoposta a tutte le analisi del caso. I primi risultati avevano dato esito negativo ma, come da prassi, bisognava ripetere tutto dopo alcuni giorni. Anche le seconde analisi hanno dato esito totalmente negativo e dunque oggi, dopo un periodo di osservazione comunque d’obbligo, la dottoressa è stata dichiarata fuori pericolo.
Nessuna traccia di malattia, non era affatto Ebola
. Forse solo un tipo di influenza fuori stagione, o un’altra malattia tropicale contratta durante il suo lavoro in quelle regioni africane.
Quel che importa è che l’allarme Ebola rientra del tutto, ma è anche importante che l’ospedale Sacco di Milano abbia saputo agire tempestivamente e con competenza al sospetto della malattia. Se fosse stata confermata avrebbero così evitato il pericolo per personale e pazienti, dimostrando l’efficienza che dà sicurezza alla vigilia di una manifestazione che riempirà Milano di persone provenienti da tutto il mondo. La dottoressa intanto si prepara a trascorrere la Pasqua in famiglia, a casa, lontana dall’incubo.

admin

x

Guarda anche

Allattamento al seno fa bene al cuore delle mamme

I mille benifici dell’allattamento al seno. Da una ricerca dell’Università di Oxford (Regno Unito) e ...

Condividi con un amico