Home » Benessere » Attenti alle "energy drink": provocano infarti improvvisi

Attenti alle "energy drink": provocano infarti improvvisi

Bibite energetiche sotto accusa. Provocano disturbi cardiaci e soprattutto infarto. Lo rivelano, dati alla mano, studi internazionali che giungono alla stessa conclusione pur partendo da parametri diversi. I più importanti, uno spagnolo e uno canadese, ci informano che le sostanze “energizzanti” contenute in queste bibite sono quasi sempre caffeina, o paragonabili alla caffeina, che è e rimane una sostanza da prendere col contagocce.

In special modo, chi è giovane non dovrebbe mai bere più di una lattina da 250 millilitri al giorno, mentre i bambini (che amano tanto la Coca Cola e simili) dovrebbero assumerne meno di 50 milligrammi al giorno. Purtroppo, anche i nostri figli sono abituati ormai a bere quel che beviamo noi e non importa se si tratta di RedBull o di EnerVit! Errore da non fare mai, anche perchè noi per primi dovremmo dosare bene questo tipo di bevande. In America si contano 2.000 ricoveri all’anno di giovani e giovanissimi in preda a sintomi cardiaci gravi. Questo perchè i ragazzi bevono le “energy drink” come berrebbero una normale aranciata ma poi nella stessa giornata magari le associano allo spinello, all’alcol in discoteca, senza sapere che uniscono danno al danno.

Una delle prime conseguenze attribuite all’abuso di “energy drink” è la morte improvvisa aritmica, ovvero un arresto cardiaco improvviso e privo di segnali premonitori. La persona semplicemente si accascia al suolo col cuore fermo da un momento all’altro e quasi mai è possibile rianimarla per tempo. Di questa “morte improvvisa” sono già deceduti tanti adolescenti, in Spagna, ma anche il Canada nota lo stesso grave fenomeno e così gli Stati Uniti. In molti Paesi è già un obbligo legale quello di specificare ben in vista sulle lattine che il prodotto non è adatto a bambini e adolescenti, cosa che da noi in Italia ancora non è in uso. Tuttavia, ragazzini a parte, anche gli adulti dovrebbero fare attenzione a questo tipo di bevande, soprattutto se le assumono costantemente per motivi agonistici o per fare palestra con gli amici.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico