Home » Benessere » Mirtilli ottimi per dimenticare un trauma

Mirtilli ottimi per dimenticare un trauma

Un incidente stradale, una violenza, un lutto pesante, una scena traumatica qualsiasi… sono eventi che ci segnano dentro con lunghissimi percorsi di riabilitazione psicologica per uscirne. Non tutti ce la fanno, alcuni si arrendono, altri si attaccano agli antidepressivi come fossero pane per vivere. Eppure ci sarebbe un metodo molto più semplice e piacevole per superare un trauma psicologico: i frutti di bosco. Per l’esattezza, i mirtilli!

Lo rivelerebbe uno studio della Università della Louisiana (USA) presentato di recente a un evento medico a Boston, e intitolato “Experimental Biology”. Mangiare i dolcissimi mirtilli aiuterebbe addirittura a dimenticare le scene peggiori di un trauma e a superare i blocchi che derivano da esso, con molti meno effetti collaterali di un farmaco e con molto meno imbarazzo di una seduta psicanalitica. Essendo un elemento naturale, ovviamente non ci si può aspettare risultati immediati. La natura agisce molto più lentamente, ma agisce senza sconvolgere l’organismo.

I mirtilli contengono una proprietà importante: sono anti-ossidanti e permettono l’aumento della serotonina, la molecola che stimola e regola il nostro umore. Finora conoscevamo i mirtilli solo come buonissimo extra sui dolci, alcuni -come coloro che soffrono di emorragie nasali- li conoscevano anche come rimedio naturale per fermare l’epistassi. Oggi sappiamo che agiscono anche sul nostro umore, e in particolare sulla parte pesante e negativa della nostra memoria. Ci aiutano a dimenticare il male, che in questo caso non vuol dire “mascherare” un evento negativo ma imparare a ricordarlo senza le ansie e la paura che di solito accompagna quelle immagini. Imparare ad accettarlo. Dolcemente.

admin

x

Guarda anche

Per evitare l’Alzheimer fate palestra da giovani

Fare movimento, attività fisica, ginnastica, palestra da giovani … dove per giovani si intende anche ...

Condividi con un amico