Home » Benessere » Paura per ulteriori tagli alla Sanità: potrebbero chiudere alcune ASL

Paura per ulteriori tagli alla Sanità: potrebbero chiudere alcune ASL

Ancora tagli alla Sanità, ancora una scure che si abbatte su un settore ridotto all’osso. Medici con l’acqua alla gola che non possono più coprire i turni e che commettono errori dovuti anche alla stanchezza e invece di integrare le loro fila e di aiutarli si “taglia” ancora di più. Questo prevede, tra le altre cose, la prossima approvazione del DEF (Documento di economia e finanza) 2015, domani.

I medici sono naturalmente in rivolta e la Conferenza Stato-Regioni promette un clima di fuoco dato che i tagli previsti, in generale, parlano di 2,3 miliardi e che si teme molti di questi verranno ancora una volta dalla Sanità. Tra le manovre per risparmiare, il taglio degli acquisti di beni e servizi potrebbe coinvolgere anche il settore ospedaliero e in particolare la rete delle ASL, dato che il governo non ha intenzione di toccare nè comuni nè regioni. Secondo Renzi, alcune regioni hanno troppe ASL e alcune dovranno essere chiuse. Ma regioni come il Lazio non possono accorpare o chiudere le ASL senza creare enormi disagi ai cittadini.
Eliminare alcune ASL significherebbe ulteriori lentezze, ulteriori problemi per chi avrà bisogno di servizi ospedalieri, di ricoveri, di assistenza medica. Siamo sicuri che l’Italia possa permetterselo proprio in questi giorni, quando abbiamo ancora negli occhi il pianto dei genitori della piccola Nicole, morta per mancanza di strutture adeguate?

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico