Home » Benessere » Orgasmi troppo "urlati": l'imprenditore pagherà ai vicini 12.000 euro

Orgasmi troppo "urlati": l'imprenditore pagherà ai vicini 12.000 euro

I fatti sono del 2009 ma solo adesso se ne parla perchè la sentenza è arrivata nei giorni scorsi. Il problema? Un giovane imprenditore di 34 anni di Pavia, dalle abitudini sessuali troppo esuberanti, che insieme alla compagna teneva svegli -letteralmente- i vicini di casa ogni notte. I condomini e i conoscenti che risiedevano nel quartiere hanno allora deciso di fare una vera “class action” contro la coppia e il risultato è che oggi i due dovranno pagare 12.000 euro.

Le motivazioni: disturbo della quiete pubblica e molestie continuate, dove per “molestie” una volta tanto non si intendevano quelle sessuali ma quelle rumorose alle orecchie dei poveri vicini. Una condanna che alla fine peserà tutta sulle spalle di lui perchè la compagna focosa ha preferito patteggiare e se l’è cavata con poco. Lui, invece, ha voluto affrontare il processo convinto che l’amore avrebbe vinto su tutto. Forse l’amore sì, ma il sesso (rumoroso per giunta) invece ha perso.

In un primo momento si era parlato anche di reclusione di 4 mesi, ma la pena -come era ovvio che succedesse- era poi stata commutata in sanzione economica. E così tra ricorsi, contro ricorsi e appelli si è giunti al 2015 con la conclusione finale. Interessante la metodica con cui i vicini di casa hanno raccolto le “prove”, da veri investigatori privati, attaccando un registratore alla parete divisoria e registrando di netto i gemiti esagerati della coppia. Dato che la famigliola aveva bambini piccoli l’imbarazzo era doppio… come spiegare ai pargoli cosa fossero quei rumori che disturbavano loro il sonno? Infine, l’ultima beffa di questa storia è il cognome dell’avvocato della coppia: Alessio CORNA. Decisamente fuori luogo davanti a una coppia tanto affiatata!

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico