Home » Benessere » Neonati: sentono il dolore anche più dei grandi

Neonati: sentono il dolore anche più dei grandi

Per molto tempo si è creduto che i neonati avessero minore percezione del dolore perchè, a causa del sistema nervoso non ancora sviluppato, reagivano tardi alle stimolazioni. Provate a dare un pizzicotto a un neonato e vedrete che piangerà a scoppio ritardato. Il fatto che “senta” il dolore con ritardo non vuol dire che non soffra, al contrario, ci rivela uno studio inglese di Oxford.

Finora, proprio per questa convinzione, si evitava di usare sui bambini appena nati antidolorifici e altri metodi per evitare la sofferenza. Ma lo studio di Oxford, dopo aver monitorato il cervello di 10 neonati, ha evidenziato che le loro risposte al dolore sono uguali a quelle degli adulti, nessun grado di meno. Su 20 aree cerebrali associate alla percezione del dolore, almeno 18 si illuminano nel cervello dei neonati. Lo stesso numero di aree che si illumina nella maggior parte degli adulti. Non solo! I neonati, il dolore, lo percepiscono anche amplificato! Basta anche uno stimolo molto lieve per procurargli grande sofferenza, addirittura 4 volte più che un adulto.
Dato che i piccoli non possono comunicare non hanno mai potuto esprimere questo forte disagio e il fatto che la reazione al dolore avvenisse con un leggero ritardo rispetto allo stimolo ci ha illusi che potessero NON soffrire affatto. Ora le cose dovranno cambiare, anche nel modo di diagnosticare e di prescrivere medicinali ai neonati. Le prove ci sono, e sono inequivocabili, che per questi bambini (soprattutto entro i 36 mesi) l’esperienza dolorosa è davvero intollerabile.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico