Home » Benessere » Vaccino anti-malaria: non funziona come sperato

Vaccino anti-malaria: non funziona come sperato

La malaria è una malattia ancora presente in buona parte del mondo, causata da cinque specie di parassiti appartenenti al genere Plasmodium, quattro dei quali provocano il contagio nell’uomo (falciparum, vivax, malariae e ovale) tramite la trasmissione con la puntura di zanzara. Erroneamente relegata a “problema africano” la malaria colpisce molti luoghi malsani del mondo, inclusi quelli europei, e oggi con le migrazioni torna alla carica più che mai.

Per quanto riguarda il nostro continente, la malaria colpisce pochissimo, con una proporzione di 1 per 100.000 abitanti, e non è mai andata oltre mantenendosi stabile su queste cifre. Ora si sta registrando un lieve aumento (in Italia 1000 casi nuovi l’anno) ma la situazione non è drammatica come invece è in Africa o in alcune zone dell’Asia. Proprio per contrastare l’epidemia africana, la peggiore al mondo, di recente si era cominciato a testare un vaccino antimalarico, prodotto dalla GlaxoSmithKline, che prometteva ottimi risultati al punto che sono stati coinvolti ben 11 Paesi, e oltre 15 mila bambini selezionati, di età compresa tra 6 settimane a 17 mesi. Sono stati il 50% i vaccini inoculati, ma i risultati sono stati molto deludenti.

Solo un terzo dei piccoli vaccinati ha mostrato di essere protetto dalla malaria, ma a livello globale la malattia sembra non essere stata scalfita affatto. Come a dire, il vaccino funziona solo in alcuni soggetti ma in tanti altri no. Il problema -dice la casa produttrice- non dipende solo dal medicinale ma anche dalla contemporanea presenza dell’emergenza Ebola sul territorio che certamente ha reso meno sicure le strutture sanitarie e anche la recezione della cura da parte dell’organismo di persone che forse erano già debilitate da prima. Un mistero che comunque ha una sola certezza: a questa fase, il vaccino non ha avuto effetto. Si deve ritentare.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico