Home » Benessere » Sordità: perché scegliere un rimedio in tarda età?

Sordità: perché scegliere un rimedio in tarda età?

L’udito è uno dei sensi più importanti che abbiamo. Fateci caso: quante volte, anche mentre attraversate la strada, prima ancora di guardare vi regolate dal rumore dell’auto in avvicinamento? Quante volte capite da un suono o da un rumore una situazione di cambiamento o di pericolo? Perdere l’udito, diventar sordi, è un dramma che spesso taglia le persone fuori dal mondo e le porta anche alla depressione o alla demenza precoce.

Oggi il problema della sordità non è solo degli anziani, i ragazzi -sempre più storditi da musiche e cellulari- cominciano a perdere l’udito molto presto. E tuttavia non tutte le persone accettano di curarsi quando compaiono i primi sintomi. La tendenza più comune è quella di NEGARE. Ma a forza di negare si arriva alla terza età con problemi molto più gravi: è provato che la sordità può influire anche sulle capacità cognitive, sull’autonomia di movimento, sui rapporti sociali. Ma se si pensa a rimediare quando si è già in tarda età non è uno spreco di tempo e di denaro? No, perchè la ricerca ha confermato che -qualunque sia l’età- qualcosa si può sempre recuperare.

Aziende come MedEl, in Italia, propongono soluzioni che si affiancano alle tradizionali tecniche di “rieducazione uditiva” o di stimolazione. Oggi si possono impiantare sistemi altamente raffinati con un piccolo intervento chirurgico (tempi di convalescenza previsti, 3 giorni) che li inserisce direttamente nell’impianto uditivo della persona e che, in seguito, con un adeguato periodo di allenamento e di riabilitazione permette al soggetto di capire, di parlare, di usare telefono e stereo recuperando buona parte della funzione perduta. Ripetiamo, non importa che ciò si faccia da giovani o da anziani… anche in tarda età intervenire, con pochi rischi e pochi costi, è una soluzione per evitare conseguenze ancora peggiori nella qualità della vita. Mantenendo invece una buona qualità della vita si può mantenere l’indipendenza e condurre una vecchiaia più serena.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico