Home » Benessere » Settimana del Pronto Soccorso: medici in piazza in Sicilia

Settimana del Pronto Soccorso: medici in piazza in Sicilia

E’ in corso un po’ in tutta Italia la Settimana Nazionale del Pronto Soccorso. In un’Italia che sempre più taglia sulle spese sanitarie, dove i Pronto Soccorso vengono accorpati o addirittura eliminati, celebrare questo reparto ospedaliero con una settimana informativa è il minimo che si potesse fare… anche per dare sicurezza ai cittadini e cambiare la loro opinione sulle azioni dei medici che operano in Emergenza.

Si fa tanto un parlar male del Pronto Soccorso senza pensare che i medici che lavorano lì fanno i turni più massacranti, e spesso sono in numero minore del necessario per assistere tutti. I cittadini spesso affollano il Pronto Soccorso anche per malattie banali, aggravando la situazione già pesante. Occorre davvero più informazione e più rispetto, li chiedono a gran voce -soprattutto in Sicilia- i dottori della Società Italiana Medicina di Emergenza e Urgenza, in collaborazione con il Tribunale per i diritti del malato e Cittadinanza attiva. Ieri sono scesi tutti in piazza per ricordarlo anche a noi.

E purtroppo proprio ieri si è verificato l’ennesimo caso di morte, a Giarre. Una donna di 53 anni deceduta per un malore e che sarebbe stata soccorsa -a quanto dicono i parenti- in ritardo e da personale non medico, in quanto il Pronto Soccorso di Giarre è stato chiuso e accorpato a quello della vicina Acireale. Anche a Messina la situazione è delicata, si parla infatti di chiudere il Pronto Soccorso dell’ospedale “Piemonte” spostando emergenza e personale all’istituto per Neurolesi che ne garantirà la sopravvivenza ma con inevitabili trasformazioni.

admin

x

Guarda anche

Sì allo sport anche per bambini affetti da malattie croniche e disabilità

Tutti i bambini dovrebbero fare sport, nessuno escluso, così da trarre beneficio dall’attività fisica e ...

Condividi con un amico