Home » Benessere » Gli uomini preferiscono le bionde… ma col cervello!

Gli uomini preferiscono le bionde… ma col cervello!

Poveri uomini! Tacciati sempre di superficialità, di insensibilità…eppure in fondo sanno fare le loro scelte con criteri razionali anche loro. Un recente studio condotto in Inghilterra, dall’Università di Cambridge in collaborazione col Daily Telegraph, ha visto che nonostante le follie del sabato sera insieme a biondone dal seno rifatto, alla fine, per “sistemarsi”, gli uomini scelgono comunque una donna saggia e intelligente, prima che bella e formosa.

Diciamo che gli uomini amano divertirsi con le ragazze bellissime, adorano le donnette superficiali, pompate, rifatte e ultra-magre ma se devono cercarsi una moglie o una compagna per la vita sorvolano a pié pari sull’aspetto fisico e cercano un’amica, una persona che sappia ascoltare, conversare, controbattere e soprattutto capire. A quel punto, crollano tutti i miti sul seno e sul vitino da vespa e rimangono solo i neuroni, tra l’altro molto apprezzati! Dunque sarebbe tutta scena, quando gli uomini sembrano rifiutare la collega occhialuta per correre dietro alla vicina svampita?

Pare di sì. La ricerca di una donna con un buon quoziente intellettivo garantisce all’uomo che la compagna sarà pratica, affidabile, responsabile, una buona madre e una persona disposta a sopportarlo per tutta la vita! Nella futura moglie, l’uomo cerca comunque un minimo di bellezza… ma lo fa con occhio razionale più che ormonale. E dunque cerca “gambe sane” più che gambe lunghe, “seno vero” pronto ad allattare più che il seno gommoso rifatto, fianchi che garantiscano cura della salute più che abilità sotto le lenzuola… e così via. Le ragazzine secchioncelle, col maglione a collo alto e gli occhiali stiano dunque tranquille. Forse non domani, ma tra qualche anno… il bel compagno di banco che oggi le trascura verrà a cercare proprio loro.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico