Home » Benessere » Colesterolo "cattivo": arrivano i super farmaci

Colesterolo "cattivo": arrivano i super farmaci

In Europa ci lavoriamo ormai da anni, cercando di raggiungere l’obiettivo di abbassare il più possibile il colesterolo, soprattutto quello cosiddetto “cattivo” che è responsabile di molte malattie del metabolismo e malattie cardiache. Ora anche negli USA si aprono le porte a questo modo di pensare. Colesterolo? Più basso è, meglio è. E per abbassarlo ci si affida ai nuovi “super farmaci”, di recente approvati anche dalla Food and Drug Administration.

I farmaci che stanno per invadere il mercato americano sono Alirocumab, prodotto dalla Sanofi e dalla Regeneron Pharmaceuticals, ed Evolucumab, della Amgen. Le risposte si attendono per la metà di luglio, massimo entro il 24 di quel mese. I nuovi farmaci dovrebbero sostituire anche in America quelli finora usati. Attualmente, contro il colesterolo alto si usano le Statine e l’Ezetimibe. Le prime inibiscono la sintesi del colesterolo, il secondo impedisce che venga assorbito. Il problema di entrambi questi farmaci è che non tutti i soggetti li tollerano, e dunque in alcuni non hanno efficacia, in altri provocano reazioni pesanti e solo in poche persone funzionano come dovrebbero.

Ora la ricerca ha ideato i “super farmaci”, in realtà degli anticorpi monoclonali che hanno come bersaglio la proteina Pcsk9, quella che regola il metabolismo del colesterolo Ldl. Essi agiscono spegnendo tale proteina e quindi aumentando la recezione di Ldl sulla superficie delle cellule del fegato, il quale può così eliminare il colesterolo dannoso. In attesa della fine delle sperimentazioni (2017) possiamo comunque basarci sui primi dati che vedono, in soggetti già in terapia per colesterolo, la diminuzione dell’Ldl del 70% con la sola aggiunta di questi nuovi farmaci a quelli tradizionali. E senza effetti collaterali pesanti.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico