Home » Benessere » Sedativo in Pediatria: ad Agrigento si indaga sul grave errore

Sedativo in Pediatria: ad Agrigento si indaga sul grave errore

Il giallo che sta scuotendo la sanità siciliana stavolta aleggia tra i corridoi del “San Giovanni di Dio”. L’ospedale di Agrigento, infatti, è stato teatro di un misterioso scambio di boccette medicinali che ha portato un infermiere a infondere del sedativo pesante ai bimbi ricoverati in Pediatria. Poteva finire molto male, potevano esserci reazioni mortali … per fortuna, a parte un sonno profondo di qualche ora, nessuno ha subito gravi danni.

Occorre però vederci chiaro, e in fretta. Che ci faceva quel flacone di sedativo in Pediatria, prima di tutto? Non era adatto ai bambini e non lo aveva richiesto nessuno. In secondo luogo, se anche fosse stato dato in Pediatria non doveva essere a portata di mano e di carrello, ma nell’armadietto medicinale a disposizione solo in caso di emergenza. Invece è stato confuso con un altro farmaco, dato ai bimbi del reparto che sono subito caduti in un inspiegabile stato di torpore che ha giustamente terrorizzato i genitori.
Una volta stabilita la causa, stabilito l’errore e verificato che -per stavolta- se la sono cavata tutti con un sospiro di sollievo, ora bisogna far luce su tanti perchè. Il direttore sanitario dell’ospedale Antonello Seminerio ha subito avviato l’indagine interna e forse anche le forze dell’ordine cercheranno di capire cosa è successo. Se è stato un errore degli infermieri ci sarà da considerare molte cose, incluso il problema ormai annoso dei turni massacranti che queste persone sono costrette a fare col rischio di sbagliare per troppa stanchezza. E in quel caso la colpa è di chi continua a tagliare le risorse della Sanità.

admin

x

Guarda anche

Ritrovarsi (vivi) dopo il tumore. La storia che commuove il web

Tra tante notizie di guerra, minacce, pestaggi e femminicidio… ogni tanto ci vuole qualcosa che ...

Condividi con un amico