Home » Benessere » D-leucina: ecco come si blocca l'epilessia

D-leucina: ecco come si blocca l'epilessia

Epilessia. Una “scossa elettrica” che parte dal cervello e sconvolge il corpo togliendo la coscienza e lasciando il soggetto che ne soffre spossato nel fisico e nella mente. Chi vive l’epilessia sulla pelle vive come incatenato, ai bizzarri capricci di un male che non si sa mai come e quando si presenterà: durante una passeggiata, in classe, in ufficio…

Esistono trattamenti farmacologici per contrastare i sintomi dell’epilessia, ma non sempre funzionano e non con tutti. Ci sono persone che dopo alcuni periodi non rispondono più ai farmaci e ricadono in balia di quegli attacchi e di quelle convulsioni. Ma anche per loro esiste una speranza. Oggi si chiama D-leucina. Si tratta di un amminoacido che -a quanto si legge dalle pubblicazioni dei ricercatori della Johns Hopkins University- per lo meno riesce a prevenire le scariche elettriche che generano le convulsioni. Al momento si sta sperimentando tutto sui topi, ma il prossimo passo sull’uomo non dovrebbe essere troppo lontano.

Sta proprio nel blocco della scarica elettrica il controllo dei sintomi dell’epilessia, ma siccome non per tutti questo blocco è uguale, una corretta dieta si può associare al trattamento dei farmaci per poter controllare meglio l’evento. Quando il corpo metabolizza gli amminoacidi, con alcuni produce molecole simili a quelli prodotti da una ricca dieta. Tra questi c’è la D-leucina che ha un effetto sedativo in grado di controllare questi spasmi e di fermare le scariche anche prima che si manifestino. Confrontata con i farmaci tutt’ora in uso, si è rivelata più rapida ed efficace. Per cui, laddove non si possa trattare l’epilessia con la sola dieta o con i soli farmaci, la terapia a base di D-leucina può essere la via giusta da seguire.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico