Home » Benessere » Alimentazione: ecco come funziona lo "apericena"

Alimentazione: ecco come funziona lo "apericena"

Ormai si chiama in mille modi diversi: apericena, aperipub, aperinotte... fatto sta che alla base rimane il caro, vecchio, solito “aperitivo”. Un pasto frugale e molto alcolico che ha lo scopo di “aprirci lo stomaco” in vista della cena. Ma come mai avviene questo? Come funziona?

La moda del momento si basa su un principio molto semplice: l’alcol mette una gran fame! Uno studio dell’Università dell’Indiana (USA) su 35 donne (di età diversa e non vegetariane) dimostra come si attiva questo processo. Le volontarie ricevevano per endovena alcune una soluzione alcolica (al 6%) e altre invece un semplice placebo. La scelta delle infusioni endovena era per eliminare il ruolo dell’intestino nella ricezione degli alimenti, cosa che poteva influenzare l’obiettivo dello studio. Nello stesso tempo si misuravano le reazioni cerebrali all’assunzione di alcol e di placebo e si è così notato come -durante le infusioni alcoliche- l’eventuale sentore di aromi di cibo faceva aumentare le trasmissioni neuronali.

Cosa che non avveniva se i soggetti odoravano aromi NON di cibo. Cosa che non avveniva nemmeno nelle persone che assumevano infusioni di placebo. A fine infusione, le donne venivano lasciate libere di pranzare a loro piacimento ma solo quelle che avevano la soluzione alcolica in corpo si abbuffavano di cibo. Occorreranno ancora molti altri studi per capire la funzione dell’alcol sul cervello, ma con questo è stato dimostrato che non sono tanto gli stuzzichini a stimolare l’appetito ma proprio la componente alcolica dell’aperitivo, e questo avviene anche senza passare dallo stomaco, a conferma che il potere dell’alcol sul nostro corpo non è affatto da sottovalutare anzi, esso supera qualsiasi filtro intermedio e colpisce direttamente al cervello.

admin

x

Guarda anche

Pubertà precoce e maggior rischio tumori

La pubertà potrebbe esporre ad un maggior rischio tumori. La notizia arriva da uno studio ...

Condividi con un amico