Home » Benessere » Influenza: in agguato anche d'estate

Influenza: in agguato anche d'estate

I bambini non si fermano mai. Meno che mai in estate! Per loro, la stagione senza scuola è la più bella, sempre in giro, sempre a giocare, sempre all’aria aperta e con una gran fame. Se vostro figlio non si comporta così qualche problema ci deve essere di sicuro. Un bambino sempre stanco e inappetente, d’estate, preoccupa più che in inverno ma la soluzione potrebbe essere meno drammatica di quanto pensate.

Si parla, in questo caso, di “influenza estiva”. E’ un malessere non meglio identificato, che corrisponde in misura minore e meno aggressiva all’influenza stagionale invernale. Ovviamente è raro che succeda, per cui è anche difficile da diagnosticare, non fatene subito una colpa al medico. Fare le dovute analisi è giusto, per escludere problemi peggiori, ma se tutto è nella norma si tratta appunto di una semplice influenza. Ma come fa a venire l’influenza quando fuori ci sono 30° ?

Per prima cosa, la colpa va ai condizionatori. Sia quelli che usiamo in casa, sia quelli che usano negozi e locali. Il passaggio brusco dal troppo caldo al freddo, spesso diretto sul viso o sulla schiena, favorisce raffreddori. Il raffreddore abbassa le difese immunitarie e questi virus “sperduti” che circolano anche nella stagione estiva trovano terreno fertile per insediarsi nel corpo. Da qui, aumento della temperatura, possibilmente sintomi specifici come tosse o mal di stomaco e vomito. Conseguenze gravi non ce ne sono, salvo il fastidio di rimanere in casa quando fa caldo. Però attenzione se la febbre porta tosse, perché se viene trascurata può degenerare in polmonite. E la polmonite è grave anche in estate.

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico