Home » Benessere » Una possibile speranza per l'Alzheimer? La Relina

Una possibile speranza per l'Alzheimer? La Relina

Impariamo questo nome: Relina. Impariamolo bene perchè lo sentiremo presto, se tutto andrà come deve andare. E’ il risultato di uno studio americano condotto presso l’università del Texas relativamente alle demenze e malattie neurodegenerative, come l’Alzheimer. In particolare a questo si riferisce la scoperta di questa particolare proteina, la Relina.

La si conosceva come proteina utile per lo sviluppo del cervello, ma non sapevamo che avesse un tale potere sulle demenze, al punto da essere forse l’arma migliore per combatterle. Grazie allo studio texano condotto sui topi ora conosciamo anche questa sua azione. La Relina serve al cervello dei bambini per regolare la migrazione cellulare e favorire le connessioni, mentre in quello degli adulti protegge la plasticità cerebrale e le sinapsi. Proprio il suo potenziamento delle sinapsi sarebbe la chiave nuova per trovare una cura contro l’Alzheimer.

Nell’Alzheimer il problema principale sono le placche che si formano nel cervello a causa della iperproduzione della proteina neurotossica β-Amiloide. Tali accumuli, insieme a quelli degli ammassi neurofibrillari portano al deterioramento e alla morte. Purtroppo questi processi si possono capire solo analizzando cervelli di persone morte, difficile prevederli prima. Ma la Relina potrebbe fare proprio questo. I test sui topi hanno mostrato che, disattivando la Relina, l’animale non viveva alcun disagio nella vita di tutti i giorni ma se si ammalava di Alzheimer la malattia degenerava senza freno e la morte era rapida. Al contrario, in presenza di Relina il cervello si difendeva meglio dalla formazione delle placche. La Relina, insomma, potrebbe essere il veicolo che non solo ci mostra l’Alzheimer in corso d’opera ma che trasporta le medicine adatte a distruggerlo sul nascere.

admin

1 Commento

  1. in attesa che la scienza trovi una soluzione, a noi resta solo la prevenzione. Qui alcuni consigli che ho trovato interessanti http://www.affaritaliani.it/curadise/decalogo-contro-il-declino-cognitivo-10-consigli-utili-per-la-memoria-369012.html?refresh_ce

x

Guarda anche

Bebè riconoscono volti già nel pancione

I bebè riconoscono i volti già nel pancione. A sostenerlo è una ricerca condotta dalle ...

Condividi con un amico