Home » Benessere » Autismo, forse si individua dal pianto del neonato

Autismo, forse si individua dal pianto del neonato

Un esperimento compiuto dai ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità ha confrontato il pianto di neonati con fratelli autistici, e dunque con alto rischio della malattia in famiglia, con quello di bambini sani figli di famiglie sane. In tutto 50 bambini a rischio e 50 non a rischio. Il pianto dei neonati è uguale dappertutto ma esiste una possibilità che alcune varianti minime possano far capire se è presente il primo segnale dell’autismo in questi piccoli.

Dal test condotto sui neonati si è notato un cambiamento nel pianto dei bimbi a rischio totalmente assente in quelli sani. Lo si è classificato come un “marcatore” della possibile presenza della malattia, che in tal modo si può individuare già dalle prime settimane di vita. I segnali evidenti (disturbi motori e dell’attenzione) si sviluppano verso i 10 mesi di vita, e a quel punto è già tardi per provare un recupero. Si sta lavorando per far sì che la ricerca possa individuare la malattia e i modi per correggerla entro i tre anni dalla nascita del bambino, in modo da garantire qualche speranza in più su una patologia di cui si ignorano ancora troppe cose.
Il progetto che mira a individuare la malattia nei neonati è già stato avviato nel 2011 e finanziato finora con fondi del Ministero della Salute. Oggi i principali finanziatori sono 650 aziende coinvolte da Franco Antonello, presidente della Fondazione «I bambini delle fate» e papà del piccolo Matteo, e che ogni mese finanziano la ricerca con 100 euro. Un uomo, Franco, che ha usato la propria sofferenza per spalancare le porte alla speranza altrui.

admin

x

Guarda anche

Vacanze finite: come affrontare stress da rientro

Affrontare nel modo giusto lo stress da rientro è fondamentale per rientrare nella routine quotidiana ...

Condividi con un amico