Home » Benessere » La ginnastica quotidiana salva mezzo milione di vite l'anno

La ginnastica quotidiana salva mezzo milione di vite l'anno

L’Europa vuol vederci chiaro sullo stato di salute della propria popolazione e ha commissionato, tramite International Sport and Culture Association uno studio realizzato dai centri CEBR (Centre for Economics and Business Research) i cui risultati fanno venire i brividi. Ogni anno muoiono 500.000 persone per malattie generate dalla sedentarietà e quelle che non muoiono vanno a farsi curare per una spesa di oltre ottanta miliardi di euro!

Immaginate il risparmio, di soldi e di vite umane, se tutti noi dedicassimo appena 20 minuti al giorno al movimento. Non si parla di sport agonistico, o di palestra, o di piscina… si parla di fare le scale, di passeggiare in centro, di fare la spesa in bicicletta, di giocare con i bambini. Attività quotidiane che tutti potremmo affrontare e che invece eliminiamo in favore di una chattata su Facebook o di un videogame. Il dramma è che anche i nostri bambini preferiscono tablet e computer al calcetto con gli amici. La sedentarietà uccide, non ci sono giri di parole per dirlo.

I giovanissimi, di età compresa tra i 5 e i 17 anni, dovrebbero fare almeno un’ora di esercizio fisico al giorno, ma il 93% dei giovani europei non riesce a fare nemmeno mezzora al giorno! E oltre a essere pigri, mangiano di tutto a orari sregolati, diventando così obesi e diabetici. Tra i primi posti di questo drammatico elenco ci sono Gran Bretagna e Francia, seguite dalla ricca Germania, ma l’Italia segue subito dopo e anche da noi i record sono molto negativi. L’assenza di esercizio fisico porta all’obesità, ai problemi circolatori, ai problemi cardiaci e al rischio ictus. Ma la sedentarietà porta con sé anche un elevato rischio di neoplasie e, nei più anziani, osteoporosi e fragilità muscolare che favorisce le cadute.

admin

x

Guarda anche

Menopausa e dieta: ecco come perdere peso bene

Ingrassare in menopausa è inevitabile. Molte donne lo sanno già, altre stanno per scoprirlo. Non ...

Condividi con un amico