Home » Benessere » Anoressia, obesità: si prevengono con lo sport

Anoressia, obesità: si prevengono con lo sport

Anoressia, bulimia, disappetenza cronica o al contrario, l’eccesso di fame… sono malattie non ereditarie che si sviluppano per un malfunzionamento di alcune aree cerebrali o si “apprendono” per colpa di modelli sbagliati da seguire. L’età di questi disturbi alimentari si abbassa sempre più, e ormai ci sono casi di ragazzini (maschi e femmine) di 9 anni già compromessi.

Uno studio presentato di recente alla Expo di Milano ha rivelato che esiste un modo facile e sano per prevenire tutto questo. Ieri, durante un workshop, lo ha spiegato bene la dottoressa Carmela Bagnato, dietologa dell’ASL di Matera, illustrando come il movimento fisico ma ancor di più lo sport aiutano i bambini a crescere sani e a diventare adolescenti senza problemi di disturbi alimentari. La dottoressa ci ha tenuto a spiegare la differenza tra attività fisica e sport: la prima dura pochi minuti al giorno, da 20 a 40, e può essere fatta da tutti; lo sport invece richiede impegno e allenamento prolungati. Vanno bene entrambe le cose, per star bene nel corpo e nello spirito, ma lo sport educa sicuramente meglio.

Per fare le gare si deve star bene, per star bene si impara a mangiare quanto basta e a consumare quanto si può, secondo un equilibrio mentale che regola (bene) anche quello fisico. Lo sport previene tanti problemi: quelli cardiaci, quelli diabetici, previene anche il cancro in molti casi e sicuramente anche anoressia, bulimia e obesità. Chi fa sport sta bene con se stesso, con gli altri, impara a valutare situazioni e occasioni con attenzione per cui ha meno ansie e meno stress, che possono anche dare il via ai disturbi alimentari. E’ importante quindi fare opera di informazione e prevenzione, partendo dalle scuole elementari e medie, prima ancora che dalle superiori.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico