Home » Benessere » Ecco perché alcuni tumori resistono alla chemio

Ecco perché alcuni tumori resistono alla chemio

Succede che, a volte, nonostante l’impiego di ogni mezzo per distruggerli, alcuni tipi di neoplasie (in particolare quelle al seno) resistano all’effetto della chemioterapia ritardando o annullando così la cura. Si sapeva, ma ci si domandava come mai ciò succedesse. Uno studio condotto in Australia pare finalmente aver capito il meccanismo che causa questa resistenza.

I ricercatori del Garvan Institute di Sydney, nel loro ultimo studio già pubblicato dalla rivista “Nature Communications”, dimostrano cosa succede in alcuni soggetti quando il loro tumore si dimostra completamente inattaccabile, nonostante le dosi di chemio e i cambiamenti dei farmaci. Un quarto dei tumori mammari ha questa sorta di resistenza alle cure. Solitamente si tratta di tumori “positivi al recettore dell’estrogeno”, che si verifica nel 23% delle pazienti, e pare siano dovuti a un cambiamento del DNA della persona. Quando tali cambiamenti, di natura biochimica, esistono o si verificano in corso d’opera nel corpo della paziente, bisogna immediatamente cambiare terapia altrimenti le possibilità di guarigione spariscono.

Una volta capito cosa provoca la resistenza, i medici possono controllare prima di iniziare una terapia a base di farmaci e capire per tempo se quel farmaco specifico sia efficace o meno. Anche in corso d’opera, volendo, si può interrompere la cura e cambiarla con un’altra più efficace, se si scorgono quei cambiamenti del DNA per tempo. La parola “tempo” con il cancro è sempre fondamentale. Molte sconfitte, in passato, si sono avute per non essersi accorti al momento giusto del problema e di come affrontarlo. Oggi la scienza ci permette di vedere tutto con largo anticipo e quindi di prepararci a combattere con le armi giuste prima che sia tardi.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico