Home » Benessere » Psicologia: il tradimento aumenta dopo il matrimonio

Psicologia: il tradimento aumenta dopo il matrimonio

La nostra educazione cattolica spesso ci fa credere che il matrimonio cambi le reazioni emotive degli sposi, in particolare dell’uomo. Puoi godertela finché ti va, ma dopo sposato devi essere tutto casa e famiglia. E sebbene in apparenza possa sembrare così, il gusto del tradimento in molti scatta proprio dopo le nozze.

Oggi ci si sposa sempre più tardi, e i fidanzamenti sono molto lunghi, il che fa in modo che possano essere tanti gli alti e bassi tra le coppie. Il matrimonio viene visto come uno “stop” a queste altalene di emozioni, una sicurezza, il lucchetto che chiude le incertezze nella fedeltà eterna. Ma nei maschi, soprattutto, non è così, anzi. L’atto pubblico e legale rende il matrimonio talmente enorme che viene percepito come una prigione e automaticamente il cervello comincia a desiderare la libertà perduta.

L’uomo, per natura, sente dentro un forte bisogno di libertà e matura molto più lentamente della donna. L’idea di non poter più fare ciò che vuole, soprattutto se confermata da mogliettine possessive e pesanti, lo rende più incline che mai al tradimento. E’ una forma depressiva anomala che si traduce in frustrazione e desiderio sfrenato che deve realizzarsi a qualsiasi costo. Insomma il tradimento aumenta dopo il matrimonio, non prima. Per evitarlo ci sono due soluzioni: optare per la convivenza, oppure cercare di non essere troppo ossessivi con il/la partner, lasciando che respiri… liberamente. Funzionerà?

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico