Home » Benessere » Medicina: calano le iscrizioni universitarie

Medicina: calano le iscrizioni universitarie

E’ finito il fascino del medico? No, è finita la speranza e la fiducia. I giovani non vogliono più rimanere bloccati per anni dagli esami di ammissione alle facoltà scientifiche e optano per altro, o addirittura per nessuna facoltà universitaria. Sono i dati preoccupanti di questi giorni resi pubblici dal MIUR.

E’ vero che ancora mancano quattro giorni alla fine delle iscrizioni ma se la tendenza è quella vista finora sarà difficile recuperare in meno di una settimana. Nel 2013 si candidavano per il test di ammissione in Medicina circa 84.000 persone, sebbene poi al momento delle prove se ne presentarono 15.000 di meno. Nel 2014, su 70.000 domande alla fine si presentarono alla prova solo in 10.000. Oggi però si parla di candidature inferiori ai 60.000 il che significa che a settembre, agli scritti, avremo poche migliaia di persone. Se questo è un vantaggio per gli aspiranti medici e per gli atenei sovraffollati è decisamente un fattore negativo per il Paese.

In un’Italia dove già gli ospedali soffrono per la carenza di personale, la mancanza di medici e di operatori sanitari è un dramma che significa ulteriori disagi. Ma Medicina non è l’unica facoltà che sta soffrendo una nuova crisi: calano gli iscritti anche a Veterinaria e Architettura. La cosa triste è che molti di questi ragazzi si lasciano scoraggiare dal “sentito dire” e nemmeno provano a fare domanda in facoltà. Il crollo della fede nello studio universitario è un indice del declino intellettuale della popolazione che magari, poi, andrà a regalare le proprie menti migliori all’estero… o le lascerà marcire in un angolo della società senza valorizzarle.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico