Home » Benessere » Un libro per raccontare la "prima infermiera"

Un libro per raccontare la "prima infermiera"

Esce edito da “Skira” il romanzo di Masolino D’Amico dedicato alla figura di Florence Nightingale, “L’INFERMIERA INGLESE”. La prima infermiera, potremmo anche dire. Il servizio e la cura ospedaliera dei malati era stata già ideata e messa in pratica dall’ordine dei Camilliani nel XVI secolo ma era comunque un servizio religioso presente in pochi Paesi del mondo. Fino al XIX secolo non esisteva un corpo sanitario laico addetto alla cura dei malati.

La prima a fondarlo fu lei, Florence Nightingale. Si chiamava così perché era nata a Firenze, da un padre e una madre viaggiatori e rivoluzionari che avevano insegnato a lei e alla sorella Parthenope ad essere libere e razionali. E però quando questa libera razionalità spinse Florence a partire per la guerra di Crimea come volontaria assistente medico la famiglia entrò nel panico e disse “no!”. Ma era impossibile fermarla, proprio per l’educazione che aveva ricevuto, e così partì. Prima di lei, solo i servi e gli schiavi aiutavano i medici nei loro ingrati compiti (che includevano anche interventi senza anestesia!), e ovviamente questi… spesso ragazzini ignoranti… non prestavano quell’opera volentieri.

Florence non solo organizzò alcune donne (anche uomini, più in là) per svolgere il servizio sanitario per vocazione ma riorganizzò l’idea stessa del luogo di cura. Fu lei a portare ordine e igiene nelle corsie, fu lei a pubblicare il libro “Notes of Nursing” (appunti infermieristici) che divenne il primo manuale per imparare il mestiere, per anni usato nelle future scuole per infermieri di tutto il mondo. Le prime infermiere diplomate e riconosciute dallo stato uscirono nel 1865 dalla scuola che lei stessa aveva fondato, presso il prestigioso King’s College di Londra, scuola che ancora oggi porta il suo nome. Florence Nightingale morì alla vigilia della I Guerra Mondiale (nel 1910) ma lasciò in eredità al mondo proprio i suoi infermieri, uomini e donne, che resero le sofferenze del primo conflitto europeo più sopportabili.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico