Home » Benessere » Tumore intrauterino soffoca una neonata: salvata in extremis

Tumore intrauterino soffoca una neonata: salvata in extremis

Innovativo intervento chirurgico portato a termine dai medici della Città della Salute di Torino che, in tal modo, hanno salvato la vita a una bimba che rischiava di morire prima ancora di nascere. La piccola, giunta appena alla 31a settimana, aveva sviluppato una rara forma di tumore che aveva formato una massa intorno al suo minuscolo collo. Finché fosse rimasta in utero non avrebbe avuto problemi, ma una volta costretta a respirare da sola -dopo la nascita- sarebbe morta soffocata.

E’ stato necessario, allora, farla nascere prima del tempo con taglio cesareo e applicare su di lei la EXIT (Ex utero intrapartum treatment), un metodo operatorio che si applica sui neonati senza staccarli dal cordone ombelicale. La bimba è stata estratta dal ventre della mamma ma non è stato tagliato il cordone ombelicale, in tal modo lei ha continuato a respirare tramite il corpo della madre mentre i medici toglievano il tumore intorno alla gola. In tutto la massa pesava 300 grammi, un terzo del peso della piccola.
Rimosso il tumore, la bimba è stata staccata dal cordone, inserita nella incubatrice e curata fino alla scadenza dei nove mesi, mentre il suo corpicino si ristabiliva lentamente dall’operazione. Un intervento davvero intelligente, speciale, che ha visto in azione diverse competenze mediche con una bravura davvero encomiabile. Mamma e bambina oggi stanno bene e hanno una lunga vita davanti per dimenticare questo incubo risolto bene.

admin

x

Guarda anche

In cerca di un donatore per bimba con rarissima leucemia

Una bimba italiana di soli 3 anni e già impegnata in una guerra terribile e ...

Condividi con un amico