Home » Benessere » Anoressiche per colpa di papà

Anoressiche per colpa di papà

Si usa sempre al femminile, ma ormai sappiamo bene che anoressia e bulimia riguardano in egual misura femmine e maschi. Ragazzi e ragazze, adolescenti, cadono in questa trappola per motivi vari… per la fissazione con la linea lei, per la fissazione con il corpo scolpito lui. Alla base di tutto, comunque, rimane una insoddisfazione psicologica.

Tanto si è detto e studiato su quale possa essere la scintilla scatenante dei disturbi alimentari e oggi uno studio della Charles Sturt University ipotizza che sia il cattivo rapporto con il padre. Secondo la ricerca condotta dall’ateneo, il 42% dei malati (donne soprattutto) fra 37 e 55 anni ha avuto in adolescenza un padre iperprotettivo, oppure indifferente, distante (il 36%). Solo in un caso su cinque di malattia il padre era descritto come attento e amorevole. Dunque l’anoressia non dipende solo dal rapporto con i genitori ma dipende MOLTO da quello comunque.

In particolare per le donne, dato il forte legame con il padre, una sua distanza o un suo essere troppo invasivo, le porta a odiarlo. Odiandolo sentono salire il senso di colpa, verso un genitore che vorrebbero invece amare. E per placare quel senso di colpa si puniscono con il cibo. Come detto, non è questa l’unica scintilla scatenante ma è uno degli elementi che contribuiscono ad aggravare le situazioni. I padri dunque dovrebbero essere più attenti alla vita delle figlie, senza però soffocarle, senza farle sentire inutili e inette. Un controllo a distanza che sia più complicità che possesso.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico