Home » Benessere » Non sbadigliate? Forse siete psicopatici

Non sbadigliate? Forse siete psicopatici

Che cos’è lo sbadiglio? Per moltissimo tempo abbiamo pensato che fosse un modo del cervello per richiamare ossigeno in corpo quando scarseggia … e questo infatti avviene quando siamo stanchi, fisicamente e mentalmente. Per un breve periodo si parlò dello sbadiglio come di un “sistema di raffreddamento” del corpo. Ma oggi si tende a credere che sia solo un segno di empatia, di vicinanza a un altro essere umano, soprattutto quando è “contagioso”.

Vi siete mai chiesti come mai -se un amico sbadiglia davanti a voi- due secondi dopo sbadigliate anche voi e dopo di voi sbadiglia il vicino di sedia o la signora seduta di fronte? Che lo sbadiglio serva a richiamare ossigeno è provato, ma che lo richieda in modo contagioso anche quando non ne sentiamo il bisogno … è questo il mistero che fa sospettare dell’empatia tra simili! Eppure non tutti reagiscono così. Alcune persone non sentono affatto lo stimolo a sbadigliare dopo aver visto lo sbadiglio di un altro. E questo è brutto segno, secondo lo studio condotto dalla Baylor University in Texas, appena apparso sulla rivista “Personality and Individual Differences”.

Con un test eseguito su 135 studenti con tratti caratteriali diversi, alcuni molto vicini al narcisismo, alla freddezza emotiva, all’egocentrismo e alla incapacità di conformarsi alla norme sociali, si sono studiate le loro reazioni davanti a un video con gente che sbadigliava. Quelli che non venivano contagiati dallo sbadiglio altrui erano quelli che esprimevano problemi psichici ed emotivi di una certa gravità. Dunque le persone psicopatiche non sentono il contagio dello sbadiglio e non sbadigliano… ma questo deve farci preoccupare? Se non sbadigliamo insieme ai nostri amici siamo matti? No, assicurano gli esperti, siamo però una delle eccezioni che confermano una regola.

admin

x

Guarda anche

Allattamento al seno fa bene al cuore delle mamme

I mille benifici dell’allattamento al seno. Da una ricerca dell’Università di Oxford (Regno Unito) e ...

Condividi con un amico