Home » Benessere » Un ventenne denuncia l'avvelenamento di Crotone

Un ventenne denuncia l'avvelenamento di Crotone

Davide lo ha denunciato con tutta la forza dei suoi 20 anni e con il coraggio di chi, invece di scappare, decide di restare e lottare per la propria terra. Lo ha fatto tramite Facebook facendo scoprire al mondo una novità che forse tanto “nuova” non è… e che fa temere che il Sud intero sia una enorme discarica di scorie pericolose ormai da decenni.

Tutti parlavamo della Terra dei Fuochi, in Campania, ma nessuno pensava mai alla Calabria. Eppure, dice Davide, a Crotone -la sua città- il saluto ufficiale è diventato: “Ehi, ciao, hai saputo chi ha il tumore?”. A Crotone si muore di tumore, la stessa famiglia di Davide lo sperimenta sulla propria pelle con almeno tre casi nella parentela più prossima. E a quanto pare non è l’unica. La denuncia di questo ragazzo avviene in contemporanea con una inchiesta della magistratura che sta cercando non meglio identificate “scorie tossiche” nei dintorni.

Davide lo dice in modo molto più diretto, rispetto ai magistrati: “le scorie tossiche causano numerosi casi di tumore tra donne, uomini e bambini. E io mi sono stancato!” . Come dargli torto? Come pensare di vivere una giovinezza spensierata in una città che muore nell’indifferenza di tutti? La notizia è stata ripresa anche dal famoso blog di Beppe Grillo catturando l’attenzione di oltre 40.000 persone sul web. Il fatto che ci siano indagini in corso non farebbe pensare affatto a una “bufala”, anche perché Davide ci ha messo la faccia e non lo avrebbe fatto se non avesse avuto un valido e serio motivo.

admin

x

Guarda anche

Ritrovarsi (vivi) dopo il tumore. La storia che commuove il web

Tra tante notizie di guerra, minacce, pestaggi e femminicidio… ogni tanto ci vuole qualcosa che ...

Condividi con un amico