Home » Benessere » Il ministro vaccina i suoi bambini per incoraggiare altri genitori

Il ministro vaccina i suoi bambini per incoraggiare altri genitori

Uno dei maggiori pericoli, in questo momento, non è Ebola né la tubercolosi portata dai migranti. E’ il nostro conosciutissimo morbillo. Una malattia che è già grave nei bambini ma che, se presa da adulti, in certi casi può anche essere mortale. Una malattia sconfitta per tanti anni ma che oggi ritorna a causa della assurda paura di vaccinare i propri figli da parte di molti genitori.

Sia in Europa che in USA si era diffusa la voce che il vaccino esavalente -praticato contro le malattie contagiose dell’infanzia ma anche contro la meningite- causasse l’autismo, la paralisi o la morte. Se è vero (sempre!) che ogni medicinale ha una minima parte di rischio e che l’1% di possibilità che qualcosa vada storto esiste bisogna fare due semplici calcoli al volo: quanto vale la paura per quell’1% di fronte alla certezza di un 100% di probabilità di ammalarsi? Se non ci si vaccina, quel 100% diventa realtà, come sta avvenendo in America da due anni a questa parte.

Nessuna paura per i vaccini, essi nascono apposta per salvare vite umane. Quelle dei vostri bambini e quelle vostre. Per far vedere che è bene fidarsi, il ministro Beatrice Lorenzin in persona ha portato i propri gemelli, nati solo tre mesi fa, a fare il vaccino esavalente presso il centro vaccinale di via Plinio, a Roma. All’uscita, la sua dichiarazione è stata: “Penso che nessuno più di me abbia dato la casistica degli effetti collaterali e sia informata da tutti i punti di vista. Eppure sono tranquilla nel vaccinare i miei figli”. Il ministro spera che il suo esempio possa incoraggiare tanti altri genitori a fare lo stesso. Ne va del bene dei bambini, ma anche di quello di una popolazione intera.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, fertilità maschile messa a rischio dal rumore

La fertilità maschile messa a rischio dal rumore. L’allarme arriva da uno studio condotto dall’università ...

Condividi con un amico