Home » Benessere » Depressione "social": la nuova malattia dell'adolescenza

Depressione "social": la nuova malattia dell'adolescenza

Sono allegri, vivaci, pieni di “amici” su Facebook e di “seguaci” su Twitter… eppure nessun adolescente al mondo è stato mai così solo e triste dei nostri ragazzi di oggi. La nuova malattia adolescenziale, oltre all’acne e ai disturbi alimentari, si chiama “depressione social” e deriva dall’ansia di doversi sempre connettere.

A prima vista non sembra, appunto perché stando online i ragazzi comunicano sempre con tutti, dunque appaiono socievoli e aperti. Invece la connessione continua (oggi anche tramite “facebook mobile” dal cellulare) toglie il sonno, la voglia di studiare, la voglia di parlare. Insomma, se da un lato si condivide molto virtualmente dall’altro ci si deprime a morte. Lo dice la ricerca medica della Glasgow University (Regno Unito), ma lo dicono i tanti casi di depressione giovanile che aumentano guarda caso nei periodi in cui i social network sono meno frequentati (estate, Natale…).

La perdita del luogo virtuale fa sentire i ragazzi improvvisamente abbandonati e tristi. Da qui, la depressione inevitabile. Il 90% dei ragazzi sente l’ansia da social perché ha paura di essere dimenticato, non considerato. Se un giorno ricevo meno “mi piace” di ieri entro nella disperazione più nera, e questo unito alla mancanza di sonno può aggravare i sintomi fino a casi davvero patologici. Incontrarsi fuori dai socials non sarebbe una cattiva idea, per cominciare a separare amicizie vere da amicizie virtuali. Forse è questa la cura migliore, ma altrimenti è bene far entrare in gioco un vero psicologo.

admin

x

Guarda anche

Per evitare l’Alzheimer fate palestra da giovani

Fare movimento, attività fisica, ginnastica, palestra da giovani … dove per giovani si intende anche ...

Condividi con un amico