Home » Benessere » Cancro: l'aspirina diventa una cura e la prevenzione salva da quello al seno

Cancro: l'aspirina diventa una cura e la prevenzione salva da quello al seno

Di tumore al seno si muore molto meno, ma ci si ammala di più. Questa incongruenza nasce dal fatto che ancora la prevenzione è abitudine di pochissime donne che invece dovrebbero tenersi sotto controllo, perché questa è una delle malattie più diffuse al mondo. Intanto, 3 donne su 10 non si sottopongono mai a mammografie o ecografie.

Esami che invece dovrebbero essere fatti almeno una o due volte l’anno, se si hanno più di 45 anni e se si hanno storie di malattia in famiglia. Per incoraggiare ancora e sempre le donne ad avvicinarsi senza timore ai controlli, l’Osservatorio Nazionale Screening in collaborazione con la Fondazione Veronesi organizza PINK IS GOOD -PREVENZIONE SENO con l’obiettivo di raggiungere quel tanto agognato 100% di copertura preventiva che oggi invece non c’è. E mentre la ricerca italiana ormai riesce a garantire sicurezza anche nei farmaci usati, che sono sempre più mirati e sempre meno tossici per il corpo, novità interessanti arrivano da oltreoceano.

Negli USA, infatti, entra a pieno titolo tra i “farmaci antitumorali” la normalissima Aspirina! Il famoso farmaco inventato nel 1853 dal chimico francese Charles Frédéric Gerhardt e finora usato quasi solo per curare raffreddori, influenze o malattie cardiache sarebbe efficace nella prevenzione dei tumori. Le ricerche dimostrano che chi usa la cardioaspirina costantemente sviluppa meno di altri i tumori, soprattutto quello al colon. Inoltre evita le recidive in persone già colpite e guarite dal cancro. Anche l’Italia sta pensando seriamente di inserire l’Aspirina nella gamma delle cure contro i tumori, in quanto il rapporto benefici-rischi risulta ancora sempre a favore dei primi.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico