Home » Benessere » Due birre a settimana proteggono dall'infarto

Due birre a settimana proteggono dall'infarto

Se bevete con moderazione, anche la birra potrà aiutarvi a proteggere il vostro cuore dall’infarto. Sarebbe questo il messaggio che parte da un lungo e complesso studio condotto dall’Università di Gothenburg (Svezia) per 32 anni, dal 1968 al 2000, intervistando soprattutto donne sulle abitudini alimentari. Tra queste è venuto fuori il consumo di alcolici e di birra, in particolare, che pare la preferita delle signore!

A sorpresa, i dati raccolti in tutto questo tempo dimostrano che le donne che bevevano almeno due birre a settimana avevano il 30% di rischio di meno di subire un infarto. Mentre nel tempo rimanevano invariati i rischi di cancro e di ictus, quello dell’infarto diminuiva in relazione all’abitudine al consumo della birra, preferibilmente bionda! Certo non può trattarsi di coincidenze, dato il gran numero di soggetti analizzati e il lungo periodo, quindi c’è del vero. L’alcol in quantità moderate può proteggere in qualche modo la fibra del cuore ma non altrettanto si può dire per la sua azione sul fegato, né altrettanto si può dire con certezza dell’effetto del vino.

Lo studio pone un importante punto di partenza per ulteriori ricerche future, anche se è impossibile stabilire con assoluta certezza i benefici o i danni da alcolici. Ogni soggetto reagisce diversamente alle sostanze, alcol incluso. Certamente la birra è più leggera di molti vini in circolazione e berne due bottiglie alla settimana è davvero poco, dunque la si potrebbe usare veramente come terapia. Ma saranno altri confronti a farci capire se questo “metodo” può davvero funzionare o se rimane solo una casualità legata a un certo ambiente, quello scandinavo, abituato a smaltire l’alcol meglio di altri.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico