Home » Benessere » Jaxon, che doveva morire appena nato, e oggi compie un anno

Jaxon, che doveva morire appena nato, e oggi compie un anno

Microidrocefalia, lissencefalia … come la si voglia chiamare è una grave malformazione genetica che ha comportato la nascita di un bebé privo di un’ampia porzione del cervello. Quando i medici lo hanno scoperto hanno detto ai giovani genitori, Brittany e Brandon, che non c’era nulla da fare ed era meglio abortire. Ma loro si sono rifiutati: avrebbero portato a termine la gravidanza lo stesso.

Così è nato il piccolo Jaxon Buell, e ha trascorso i suoi primi mesi di vita in una incubatrice di un ospedale della Florida, in attesa della inevitabile fine. Un bambino a cui manca quasi la metà del cranio e del cervello, che speranze può avere? Ma Jaxon non moriva, anzi, migliorava. E’ migliorato al punto che i genitori hanno potuto riportarlo a casa e cominciare una vita nuova con lui… sebbene l’ansia della morte imminente fosse sempre su di loro. Ma passano i giorni, i mesi, e oggi Jaxon compie un anno!
Il suo cranio non si è mai formato, nemmeno la parte di cervello mancante. Di lui si vede solo il faccino, bellissimo, con due occhioni azzurri ridenti, ma dietro la testa non è rotonda, è “vuota”. La sorte di questo bel bambino, che ha commosso tutti gli Stati Uniti, è ancora appesa a un filo e può vivere solo grazie ai farmaci che alleviano i suoi dolori e i suoi problemi. Forse non arriverà mai all’età per andare a scuola, forse ci arriverà ma non ragionerà mai come un bambino normale. O forse morirà domani. I genitori prendono ogni giorno come viene, e se lo godono finché dura. In fondo doveva essere abortito, doveva sopravvivere solo poche ore e dopo 12 mesi è ancora qui, a sfidare la scienza e i miracoli!

admin

x

Guarda anche

Il panico dell’attacco di panico …

Esiste una malattia che forse… non esiste. E non lo diciamo per sminuire la cosa, ...

Condividi con un amico