Home » Benessere » Una precisazione sugli "esami inutili"

Una precisazione sugli "esami inutili"

I medici sul piede di guerra stanno diffondendo opinioni contrastanti sulle nuove norme del Ministero della Salute atte a eliminare gli esami medici inutili. Si sente dire che la gente non potrà più curarsi, che le malattie gravi non saranno più individuate per tempo e così via… tutte illazioni che il ministro Beatrice Lorenzin smentisce, in diretta tv su “UnoMattina”.

“Se qualcuno dice ai pazienti che non potranno più avere determinati esami sta mentendo, chiamate il ministero della Salute. Questo provvedimento è solo a tutela dei cittadini, vogliamo farlo insieme ai medici per rendere più efficiente e sicuro il Sistema Sanitario Nazionale”. Con queste parole il ministro ha inteso mettere la parola fine alle polemiche e per farlo aggiunge anche qualcosa sulle eventuali multe per i medici che eccedono con gli esami specialistici.
“Dato che la sanzione viene applicata dalle Regioni, i medici temevano che ci fosse una frammentazione e una non omogeneità nella applicazione. Per questo mi sono impegnata con loro a portare al tavolo della conferenza Stato-Regioni la questione e a trovare un modus operandi che li garantisca e che eviti una azione persecutoria nei loro confronti”. Queste norme, ribadisce la Lorenzin, non vengono per danneggiare ma per aiutare il cittadino e il sistema sanitario. Evitando gli esami inutili su persone sane si eviteranno anche sprechi di denaro e si accorceranno le file di attesa in chi sta davvero male. La Lorenzin riporta anche esperienze personali: se mi facevo prescrivere gli esami dalla ginecologa, al massimo dovevo fare una ecografia… se me li facevo prescrivere da un medico generico mi dava da fare decine di ecografie inutili. E’ su questi sprechi che si intende tagliare, per dare modo alla gente di curarsi meglio e senza perdite di tempo.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico