Home » Benessere » "Apriamo gli occhi", la campagna contro la cecità

"Apriamo gli occhi", la campagna contro la cecità

Ogni minuto nel mondo un bambino diventa cieco, ma nel 40% dei casi la cecità potrebbe essere evitata con interventi mirati. Il preoccupante dato arriva da Cbm Italia, organizzazione umanitaria internazionale impegnata nella prevenzione e cura della cecità e della disabilità nei Paesi del Sud del mondo, che lancia la campagna di sensibilizzazione “Apriamo gli occhi”. Da domani, Giornata mondiale della Vista, fino al 24 ottobre, è possibile sostenere la ricerca con un sms solidale o con una chiamata da rete fissa al numero 45506, per donare 2 euro che contribuiranno ad aiutare i progetti di lotta alla cecità di Cbm nei Paesi in via di sviluppo.

“Se non si interviene tempestivamente, il 60% dei bambini che diventano ciechi muore entro 1 anno dal momento in cui ha perso la vista – spiega una nota di Cbm Italia -. Quest’anno abbiamo deciso di intervenire in 15 Paesi tra Africa, America Latina e Asia attraverso 19 ospedali e cliniche oculistiche mobili. Il nostro obiettivo è raggiungere 13 mila persone attraverso: 7 mila operazioni chirurgiche per ridare la vista a bambini e adulti; 6 mila paia di occhiali da vista per correggere i difetti refrattivi”, sottolineano gli esperti. Grazie alla raccolta fondi i medici di Cbm potranno così realizzare operazioni oculistiche per i bambini delle famiglie più povere, allestire cliniche oculistiche mobili e attività di screening per seguire i bambini che vivono nelle aree più remote e non hanno la possibilità di raggiungere gli ospedali nelle città. Grazie ai fondi raccolti dalla campagna, inoltre, saranno distribuiti occhiali per bambini. Tra i paesi destinatari, il Kenya, l’Etiopia, il Ruanda, la Bolivia, Haiti e l’India.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, fertilità maschile messa a rischio dal rumore

La fertilità maschile messa a rischio dal rumore. L’allarme arriva da uno studio condotto dall’università ...

Condividi con un amico