Home » Benessere » Settimana dei Tumori Infantili, facebook si trasforma in cartoon

Settimana dei Tumori Infantili, facebook si trasforma in cartoon

Questa è la settimana che la ricerca dedica alla lotta contro i tumori infantili. Se esiste qualcosa di più terribile e crudele del cancro, è il cancro che colpisce un bambino. Uno strazio talmente intollerabile che perfino il grande oncologo Umberto Veronesi ha dichiarato: “Quando vedo bambini malati mi domando se esiste Dio”.

Per donare attenzione e fondi alla ricerca per i tumori dei bambini le iniziative sono tante e una tra queste viaggia su facebook, su quello stesso social che ha lanciato la campagna di successo Ice Bucket Challenge, “una doccia contro la sla”. In questa settimana, invece, il regno di Mark Zuckerberg si trasforma in un immenso cartone animato grazie alla iniziativa: “Voglio riempire Facebook con i personaggi dei cartoni animati, per la settimana della lotta contro i tumori infantili” che funziona così: ognuno cambia la foto-profilo, inserendo per un giorno solo quella di un cartone animato o di una fiaba. A tutti quelli che mettono “mi piace” sarà assegnato poi un ulteriore personaggio dei cartoni da usare come foto profilo.

Non mancano già le adesioni e ovunque, sul noto social, si vedono robot giapponesi, Lady Oscar, Puffi, ma anche i personaggi di Walt Disney e i Peanuts di Charlie Brown e tanti altri coloratissimi faccini sorridenti. Come si spera di rendere sorridenti anche i faccini, reali, dei piccoli malati donando parte del ricavato di tanti “clic” alla ricerca. Le critiche non mancano, come non mancarono per la sfida della doccia gelata. C’è chi dice che l’idea di facebook è troppo banale e scontata. Sarà… ma se una doccia gelata a diffusione virale ha potuto raccogliere milioni di dollari di ricerca, che male può fare qualche buffo personaggio che per lo meno ci ricordi che non tutti i bimbi sono fortunati come i nostri?

admin

x

Guarda anche

Allattamento al seno fa bene al cuore delle mamme

I mille benifici dell’allattamento al seno. Da una ricerca dell’Università di Oxford (Regno Unito) e ...

Condividi con un amico