Home » Benessere » Quelle cellule misteriose che invitano l'uomo a fare sesso continuamente

Quelle cellule misteriose che invitano l'uomo a fare sesso continuamente

Scoperte da un gruppo internazionale coordinato da Arantza Barrios, dell’University College di Londra, le hanno battezzate MCMS che sta per “mystery cells of the males” cioè “cellule misteriose degli uomini”. E no, non è mancanza di fantasia, è solo il modo migliore per far capire che cosa sono questi nuovissimi neuroni finora poco o per niente conosciuti e che pare si trovino solo nei corpi maschili.

I test in verità non sono stati condotti su uomini ma su una specie di verme che per struttura e numero di neuroni somiglia moltissimo a un organismo umano di base, per cui si può analizzare senza attendere permessi o malattie, liberamente, ottenendo risultati molto simili a quelli che si otterrebbero su un cervello umano. Le MCMS sono cellule di derivazione gliale, ovvero cellule che aiutano i neuroni a compiere il proprio lavoro. Si sviluppano con la pubertà, man mano che si forma la maturità sessuale e servono, nei maschi, per ricordare che la loro priorità è la riproduzione.

Queste cellule, finora ignorate o non evidenziate, in pratica sono una sorta di “allarme” che interviene se il maschio si distrae troppo. Stimolando il suo corpo gli ricordano che il sesso viene prima di tutto, che la trasmissione biologica deve avere il primo posto in tutto, ed ecco spiegato il perché della fissazione dell’uomo col sesso. Si parla per ipotesi, perchè come detto finora si è lavorato solo sui vermi, ma se questi neuroni sono legati al cromosoma Y e maturano insieme alla spinta sessuale chiaramente influenzano il cervello maschile in modo diverso rispetto a quello delle donne. Ecco come mai per l’uomo il sesso è solo sesso, e non va confuso con l’amore. Attente, signore, i vostri compagni hanno una scusa in più per giustificare il tradimento!

admin

x

Guarda anche

Pubertà precoce e maggior rischio tumori

La pubertà potrebbe esporre ad un maggior rischio tumori. La notizia arriva da uno studio ...

Condividi con un amico