Home » Benessere » Malasanità inglese: bimbo con gli occhi "incollati" per errore!

Malasanità inglese: bimbo con gli occhi "incollati" per errore!

Non solo Italia, tutto il mondo è paese. L’unica differenza tra noi e loro è che noi amiamo lamentarci e distruggere la reputazione del nostro Paese mentre gli altri tengono ben nascoste certe notizie, per non sfigurare. Quando però sono così eclatanti escono allo scoperto! Come quello che è avvenuto all’ospedale di Barnsley, una cittadina dello Yorkshire, nel sud dell’Inghilterra.

Qui viene ricoverato il piccolo Clayton, un bimbo di soli 6 anni che si era ferito gravemente alla testa durante un gioco a scuola. Dopo le cure del caso e i controlli, stabilito che il bimbo per fortuna non aveva un trauma serio, occorreva ricucire la ferita sanguinante che segnava la fronte e parte della testa del piccolo. A eseguire la banalissima azione una giovane infermiera che ha pensato bene di usare un nuovo prodotto, meno traumatizzante dei “punti”: si tratta di un liquido cicatrizzante che “incolla” i lembi della ferita e la risana senza lasciare cicatrici.

Purtroppo, però, la ragazza che era ancora inesperta ha agito senza la supervisione di un medico e non ha pensato di proteggere gli occhi del bimbo durante l’operazione di “incollatura”. E il liquido che scolava giù dalla fronte ha raggiunto le palpebre “incollandole” tra loro. Ovviamente, a parte la cecità temporanea del piccolo costretto a stare ad occhi chiusi, c’era il rischio che il liquido avesse danneggiato l’occhio all’interno. Per cui una settimana di controlli e alla fine un intervento (stavolta chirurgico) per separare le palpebre. La famiglia del bambino ha preteso, giustamente, una inchiesta interna e una sanzione all’infermiera… ma non ha sporto denuncia alla polizia. Forse perché, contrariamente all’Italia dalla denuncia facile, qui si tende a dare ai giovani una seconda chance.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico