Home » Benessere » L'apnea notturna è più rischiosa per le donne

L'apnea notturna è più rischiosa per le donne

Che l’apnea notturna accrescesse il rischio di malattie cardiovascolari è stato a lungo studiato. Che vi siano maggiori rischi per le donne, non ancora: sul tema si è focalizzato uno studio guidato da un team dell’University di Harvard pubblicato sulla rivista scientifica Circulation, che ha misurato elettronicamente la qualità del sonno in 737 uomini e 879 donne, di età media 63 anni, in cui erano assenti malattie cardiovascolari all’inizio dello studio. Essi hanno inoltre testato la presenza della troponina T, una proteina che può essere rilasciata nel flusso sanguigno se il cuore è danneggiato, e la cui presenza in persone sane indica un aumentato rischio di malattie cardiache. I partecipanti allo studio sono stati monitorati per 14 anni.

L’apnea ostruttiva del sonno è stata associata ad  aumento della troponina T, insufficienza cardiaca e morte nelle donne, ma non negli uomini. E sempre solo nelle donne  è stata associata anche a un ingrossamento del cuore, un altro fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. “La maggior parte delle persone che soffrono di apnea notturna hanno molti altri rischi rispetto alle malattie cardiache –  ha spiegato M. Amil Shah, assistente professore di medicina presso la Harvard University e coordinatore dello studio -. Ma nelle donne, la relazione tra apnea del sonno e malattie cardiache persisteva anche dopo aver considerato gli altri rischi”.

admin

x

Guarda anche

Depressione in aumento, soprattutto tra 30-40enni

Le donne ne sono più spesso bersaglio, e la fascia di età più colpita è ...

Condividi con un amico