Home » Benessere » Nuove speranze per il tumore al fegato

Nuove speranze per il tumore al fegato

Una nuova speranza per i malati di tumore al fegato potrebbe venire da una sperimentazione che si sta svolgendo presso il Dipartimento di Scienze Radiologiche del Policlinico Gemelli di Roma. Qui, infatti, due ricerche parallele stanno studiando gli effetti della radiologia interventistica associata a trattamenti oncologici standard. I risultati sarebbero, ad oggi, molto positivi, infatti si parla di prolungamento della sopravvivenza.

Il primo studio ha combinato insieme la chemioembolizzazione (ovvero la somministrazione di farmaci chemioterapici direttamente all’interno del tumore, salvando i tessuti sani) insieme al trattamento normale. I pazienti erano malati di tumore al colon con metastasi epatiche e avevano già subito trattamenti standard senza successo. Dopo questo tentativo però il 60% di loro ha visto un miglior controllo della malattia e a un prolungamento dell’intervallo tra malattia e ricaduta. Il secondo studio invece univa la chemioembolizzazione alla termoablazione (trattamento che determina la necrosi dei tessuti tramite il calore) in pazienti malati di tumore al fegato direttamente.

Usando una leggera sedazione e anestesia locale, si agiva con entrambe le tecniche sul posto dove erano state individuate le masse, dentro l’organo direttamente, distruggendo le parti malate senza creare danno in quelle sane. Il tutto sempre associato alla terapia standard. I risultati erano la riduzione del tempo di cura del tumore, la certezza di agire con precisione eliminando il rischio di conseguenze pesanti. Anche qui, più della metà dei pazienti riusciva a dominare meglio il male, sopravvivendo più a lungo e dimostrando una resistenza insperata che incoraggia i ricercatori a continuare in questa direzione.

admin

x

Guarda anche

Allattamento al seno fa bene al cuore delle mamme

I mille benifici dell’allattamento al seno. Da una ricerca dell’Università di Oxford (Regno Unito) e ...

Condividi con un amico