Home » Benessere » Vaccini e nuovi antibiotici: se ne discute a Rimini

Vaccini e nuovi antibiotici: se ne discute a Rimini

I vaccini sono necessari, al punto da arrivare a minacciare sanzioni? Sì, assolutamente, in Italia più che altrove, perché siamo indietro rispetto al resto del mondo. Perfino in Africa la gente si vaccina più che da noi! Il rischio è il ritorno di malattie pericolose, anche mortali, per questo il Governo e i medici vogliono imporre la campagna pro-vaccinazione. Se n’è discusso a Rimini, ai lavori del XLIV Congresso Nazionale AMCLI.

Ma non si è parlato soltanto dei vaccini, pur riconoscendone la fondamentale utilità: la discussione è andata anche sul futuro delle cure in generale e sulla necessità di trovare nuovi antibiotici in grado di sostituire quelli attuali, ai quali i micro organismi si sono assuefatti. Insomma, il vaccino da solo non basta per combattere le malattie perché oggi il nemico si è evoluto, anche per colpa nostra. La ricerca sta puntando molto a trovare soluzioni alternative, aiutata dalle piccole e grandi aziende farmaceutiche del mondo. Non si può più aspettare.

Si è parlato di analisi microbiologica per capire per tempo se un organismo è resistente o meno a un farmaco. Operazione difficile e costosa ma che -se esguita- farebbe risparmiare migliaia di euro di farmaci per le cure successive alla malattia. Si punta dunque sulla prevenzione, ma non può essere effettuata senza la collaborazione della gente. E per aiutare i medici a salvarci dobbiamo prima di tutto accettare l’idea della vaccinazione per quel che è, ovvero un salvavita, e poi accettare l’idea che i medici ne sanno sempre più di internet e che curarsi da soli, ingozzandosi di antibiotici inutili senza motivo, è il modo migliore per far vincere il nemico. Un pizzico di umiltà e di saggezza è il segreto per vivere a lungo e bene.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico