Home » Benessere » CICAP contro la Lorenzin in merito all'omeopatia

CICAP contro la Lorenzin in merito all'omeopatia

Omeopatia… funziona, non funziona, è vera medicina o un inganno? La discussione va avanti da anni, con alti e bassi. Per un certo periodo la medicina alternativa naturale era stata messa al bando, oggi si tende ad accettarla, con la benedizione dei medici, salvo che poi i pazienti abbandonino le cure per seguire solo l’omeopatia.

Per questo è pericolosa, secondo il comitato scientifico del CICAP e per questo è incredibile, sempre per il comitato, che il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, abbia firmato la prefazione del libro: ELOGIO ALL’OMEOPATIA, di Giovanni Gorga. Uno scandalo tale da giustificare una lettera inviata proprio al ministro dai membri del comitato, insieme a 500 firme raccolte. “Quello che è inopportuno è che sia il ministro della Salute a sostenerne indirettamente il contenuto. Un ministro della salute ha il dovere istituzionale di comunicare ai cittadini quale sia la posizione della comunità scientifica nei confronti delle terapie disponibili”.

Così inizia la lettera, che tuttavia elogia il ministro per le sue prese di posizione molto scientifiche in favore di vaccinazioni, esperimenti e altro. Allora come mai questa svolta che sembra far credere che l’omeopatia sia meglio della medicina tradizionale? L’omeopatia si pone come “aiuto” alla medicina tradizionale ma più di un omeopata poi scoraggia i pazienti a fidarsi dei medici… inoltre non ci sono ancora studi sicuri sull’efficacia delle omeopatie. Per questo il CICAP si augura che “… da parte del ministero della Salute si provveda a rettificare i fraintendimenti che la prefazione del Ministro può generare, comunicando chiaramente ai cittadini ciò che le migliori ricerche svolte a livello internazionale consentono di affermare relativamente all’omeopatia”.

admin

x

Guarda anche

Ecco la migliore arma contro i super batteri: il miele

Viviamo in un tempo in cui i nostri nemici più acerrimi sono… i batteri. A ...

Condividi con un amico