Home » Benessere » Gli assicuratori regalano viaggi della speranza ai malati di cancro

Gli assicuratori regalano viaggi della speranza ai malati di cancro

Ci sono mestieri che si fanno odiare facilmente, come l’esattore delle tasse, il vigile urbano, l’assicuratore. Gli assicuratori in particolare sembra che vivano solo per i soldi e per trovare scuse per spillarceli. Ma sono umani anche loro e amano dimostrarlo. Come hanno fatto i dipendenti di “Generali” e di altre compagnie che vi fanno capo.

Hanno scelto di devolvere una certa cifra all’AIL, l’associazione per la lotta alle leucemie e altre malattie del sangue, e per farlo hanno rinunciato ai comodissimi viaggi di lavoro in prima classe, previsti e pagati dalla compagnia, viaggiando in seconda e regalando la copiosa differenza all’associazione. L’iniziativa “Io Viaggio Solidale” è stata un successo davvero “di cuore”. Al momento sono già stati raccolti 100.000 euro e altri se ne stanno raccogliendo in queste ore.

Con quello che si è ottenuto è stato possibile finanziare 521 viaggi a beneficio di 89 persone, tra pazienti e familiari. Si tratta di malati di cancro che devono affrontare cure costose lontano da casa, a volte in un’altra regione altre volte all’estero. Devono pagarsi viaggio e permanenza e pure le spese dell’alloggio familiari. Con l’iniziativa della “Generali” queste spese sono coperte. AIL sostiene da tempo un programma di mobilità per i suoi malati, sempre a spese proprie. Con questo prezioso aiuto potrà risparmiare denaro per altre utili idee e allo stesso tempo permettere alle persone di usufruire comunque del progetto.

admin

x

Guarda anche

Ritrovarsi (vivi) dopo il tumore. La storia che commuove il web

Tra tante notizie di guerra, minacce, pestaggi e femminicidio… ogni tanto ci vuole qualcosa che ...

Condividi con un amico