Home » Benessere » "Chemsex": sesso senza freni che può anche uccidere

"Chemsex": sesso senza freni che può anche uccidere

Lo hanno “inventato” gli omosessuali inglesi e man mano si è diffuso in mezzo mondo. Oggi la moda sta passando agli eterosessuali. Parliamo del “chemsex”, sesso “chemical”, cioè chimico… stimolato da medicinali, pillole, sostanze di ogni tipo che cancellano freni inibitori e stanchezza e permettono al rapporto di essere vissuto al massimo e anche per ore! Tutto questo, anche se sembra bellissimo, ha un prezzo alto da pagare.

Talmente alto che ormai in Gran Bretagna si parla di allarme e i media mettono tutti in guardia. C’è pure chi ci è morto! Mefedrone, amfetamine, Ghb (gamma-idrossibutirrato) e il Gbl (gamma-butirolattone) … sono solo alcune delle sostanze che si usano per creare questi cocktail dello sballo sessuale. La maggior parte si inietta per vena, aggiungendo così rischio (infezione, scambio di sangue) al rischio chimico già insito. Inoltre, la sensazione di benessere può essere talmente grande da eliminare il bisogno di mangiare, bere o dormire. Per cui ci sono stati casi di persone che davvero hanno passato giorni a far sesso, senza nutrirsi né riposare, con conseguenze pericolosissime per la loro stessa vita.

Oltre a questi rischi, che sono già enormi, alcune di queste medicine hanno come effetto collaterale l’abbassamento delle difese immunitarie e quindi l’aumento di possibilità di contrarre AIDS, malattie sessualmente trasmissibili e altri tipi di infezioni. In più, l’annullamento dei freni può portare a ignorare del tutto l’uso della contraccezione e -in alcuni casi- a diventare violenti durante il rapporto. In Gran Bretagna la prima conseguenza è stata il ritorno di massa della sifilide, più alcuni casi di decesso. Si spera, parlandone, di fermare la diffusione di questa follia e non di promuoverla. Attenzione soprattutto ai più giovani.

admin

x

Guarda anche

Il panico dell’attacco di panico …

Esiste una malattia che forse… non esiste. E non lo diciamo per sminuire la cosa, ...

Condividi con un amico