Home » Benessere » Italiani "allergici" al lavoro: aumentano le dermatiti in ufficio

Italiani "allergici" al lavoro: aumentano le dermatiti in ufficio

Noi italiani siamo sempre più “allergici” al lavoro! O per lo meno così appare dai nuovi dati che denunciano 600 nuovi casi si allergia sul posto di lavoro, sia esso ufficio o cantiere, con la scoperta di almeno 172 nuovi elementi allergeni fino a ieri sconosciuti. La cosa preoccupante è che tutto questo è avvenuto negli ultimi 10 anni, cosa che conferma l’inquinamento galoppante sul nostro pianeta.

I casi più seri riguardano ovviamente persone che “si sporcano le mani”, come falegnami, giardinieri, operai, ma anche gli impiegati non sono al sicuro dalle nuove allergie. Ci sono inchiostri per stampanti, materiali plastici per le carpette e così via. Il dramma nel dramma è che le denunce di questo fenomeno sono ancora poche, rispetto alla realtà vera, perché la gente ha paura di rivelare un problema di salute sul lavoro, col rischio di perdere il posto. Invece, dicono i medici, segnalare il problema è fondamentale perchè se la patologia si aggrava non solo si perde il lavoro ma anche la salute per poterne trovare un altro in futuro!

Eppure le soluzioni ci sono, e sono a portata di tutti. Basterebbe imparare la sana abitudine di portare i guanti -sia che si lavori con la terra, con la calce, con siringhe e farmaci o con creme di bellezza- perché una sostanza velenosa sulla mano, oltre a danneggiare la pelle nell’immediato, può essere trasportata al viso, agli occhi, essere inalata più del dovuto. Importante anche lavarsi spesso le mani, se non si vogliono usare i guanti. E in ogni caso, capire qual è il problema e risolverlo. Se si lavora in ufficio e si è allergici all’inchiostro della stampante, si rischia di star male tutto il giorno, se si è allergici alla calce e si lavora in cantiere è impossibile svolgere più compiti. Dunque meno paura, e più consapevolezza che è meglio lavorare in piena salute che conservare un posto di lavoro da malati, agendo male anche in danno all’azienda, oltre che a noi.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico