Home » Benessere » Trapiantata la faccia a un pompiere ustionato

Trapiantata la faccia a un pompiere ustionato

Patrick Hardison, un pompiere americano di 41 anni, aveva perduto i connotati dopo essersi gettato coraggiosamente nel fuoco per salvare una donna rimasta intrappolata in un incendio. Da allora, dopo indicibili sofferenze e 71 micro interventi chirurgici, aveva ritrovato un volto sebbene sfigurato e deforme per sempre. Solo i recenti progressi nell’ambito dei trapianti e della chirurgia estetica hanno consentito a quest’uomo di vivere il suo miracolo personale.

Il trapianto di faccia non è una novità. Si tenta e si esegue fin dal 2008 anche se non tutti i pazienti che vi si sono sottoposti sono sopravvissuti. Ci aveva provato la Cina, poi la Francia, poi ancora USA e Inghilterra. Per Patrick il miracolo comincia, come spesso avviene, con il dramma di qualcun altro. Un ragazzo di 26 anni morto per un incidente stradale, corpo devastato ma viso intatto. E’ lui il donatore adatto e così, al centro medico `Langone´ della New York University, inizia l’intervento di 26 ore!
Al termine, il pompiere newyorkese ha avuto riattaccata tutta la pelle della faccia, le ciglia, lo scalpo, questa volta sani e giovani, accompagnato tutto dal massiccio bombardamento anti rigetto. Ad appena 90 giorni dall’intervento i medici si sentono già di dire che l’uomo sta reagendo bene, che le speranze di una ripresa della vita normale sono ottime. L’emozione è stata quella di rivolgere il primo vero sorriso ai familiari, ma anche quella di non sentirsi più rifiutato… di non vedere più la gente fuggire terrorizzata davanti al suo viso.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico